Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.kamaleonte.org/home/wp-content/themes/Divi/functions.php on line 5837

I primi di aprile si è svolta il Corso Internazionale sulla Leadership Autentica e Inclusiva a Malta. Al corso, inserito all’interno del progetto LIND, hanno partecipato anche educatori e docenti italiani.

Ecco cosa raccontano della loro esperienza:

UN’ESPERIENZA PARTICOLARISSIMA, DIVERSA DA TUTTE LE ALTRE E DIVERSA DA QUELLO CHE MI SAREI ASPETTATA.

Sono partita con la ferma intenzione di utilizzare l’esperienza per perfezionare l’inglese, che insegno alla primaria da qualche anno, dopo aver fatto un corso triennale di specializzazione.
Aveva già partecipato ad altri corsi con i vecchi progetti Comenius, orientati all’insegnamento della lingua inglese, in Inghilterra e in Irlanda.
Qui inizialmente mi ha stordita la sistemazione stile accampamento, pensavo che non ce l’avrei fatta una settimana… poi mi è venuta addosso tutta una situazione inattesa e nuova, che mi ha sconvolto i parametri e mi ha messo in moto il cervello. Non ho più pensato al contingente, perché man mano che il corso progrediva, mi sono trovata a fare progetti, piani per il futuro, chiarezza nella mente. Ho creato il mio nuovo e personale progetto di lavoro, proprio lì, quella mattina in spiaggia, senza pc e cellulare, ma con carta e penna. In un tempo dilatato e vuoto, ho potuto finalmente strutturare un programma che mi girava in testa da un pezzo, ma non trovava il momento rilassato e creativo per emergere.
Sto lavorando alacremente a questo progetto che sta finalmente decollando.
Ho potuto apprezzare l’efficacia delle tecniche di team building. In nessun corso frequentato in precedenza si è creata l’empatia e l’unione del gruppo di Malta. Nonostante la difficoltà della lingua, l’eterogeneità dei partecipanti, differenze di età, di interessi, di professione, si è instaurato un clima amichevole, collaborativo, partecipe.
Mi prenderò dei momenti di pianificazione ogni settimana, lontana da distrazioni, cercando di ricreare, ma so già che sarà difficile, il momento unico e creativo di quella mattina in spiaggia…
Ringrazio il Kamaleonte per l’opportunità che mi è stata data!

Ins. Mimma Di Cecco – Istituto Comprensivo “Salvo D’Acquisto” – Cerveteri -Roma

[hr]

Il corso sulla leadership autentica e inclusiva è stato un’esperienza unica e diversa dalle mie precedenti occasioni di formazione. Ho avuto modo di intuire, assaporandola in modo del tutto speciale, la necessità della dimensione del silenzio nell’ottica di una chiarificazione a se stessi dei propri percorsi di crescita e come tecnica di scoperta della direzione da intraprendere per produrre cambiamenti. Il passaggio verso il futuro necessita di un’accoglienza autentica del momento presente, con tutti i suoi punti di forza e di debolezza. Sono tornata alla mia quotidianità lavorativa e personale maggiormente cosciente di quanto le ‘debolezze’ possano trasformarsi in ‘forze’ e come paradossalmente a volte le ‘forze’ possano diventare ‘debolezze’, aprendomi ad una nuova prospettiva sull’essere. In qualità di insegnante, e leader di gruppi di adolescenti, questo mi ha portato nell’immediato a considerare con maggiore attenzione la specificità del singolo all’interno del gruppo, a pianificare test e attività in classe maggiormente rispettose dei diversi stili di apprendimento e a ridefinire in maniera più chiara il mio ruolo, come quello di facilitatore di processi di trasformazione, costruzione e cambiamento. Le esperienze condotte a Malta mi hanno fornito degli strumenti che sono utili per permettere ai membri del gruppo di entrare in sintonia senza tante parole e hanno riportato alla mia attenzione l’importanza del linguaggio non verbale, l’efficacia dell’esperienza per interiorizzare i contenuti e costruire competenze e, infine e non meno importante, la necessità di concedere con pazienza dei tempi di elaborazione, ogni volta che si richiede una risposta.
Potrebbe sembrare banale, ma si tende a dimenticare, nel fluire spesso senza controllo della nostra ‘società liquida, che per rispondere in modo efficiente ad una sfida e cercare delle soluzioni ad un problema, così come per apprendere in modo significativo, sono necessari dei tempi… e ciascuno ha il suo.

L. – Docente

[hr]

L’esperienza appena trascorsa mi ha lasciato tanto sia a livello personale che professionale. Grazie alle persone che ho conosciuto, ho vissuto un vero viaggio, alla scoperta di me stessa nella vita e nel lavoro.
Le attività mi hanno fatto riflettere su come si affrontano le sfide quotidiane. Sono tornata con propositi positivi da seguire ogni giorno.
Riguardo le attività ho in mano nuovi metodi da utilizzare nella gestione di un gruppo e nella relazione di ogni singolo membro.
Attività che ti fanno riflettere sul come agire nei riguardi degli altri, su come si debba comportare un “ leader”. Chi sia un leader giusto, meglio dire autentico e inclusivo.
PAROLE CHIAVE:
SCOPERTA DI SE STESSI;
NUOVE CONOSCENZE, NUOVI STRUMENTI, NUOVE METODOLOGIE;
CONFRONTI CON REALTA’ DIVERSE;
ALLA SCOPERTA DI COME SI DIVENTA LEADER AUTENTICO E INCLUSIVO;
L’IMPORTANZA DEL LINGUAGGIO GESTUALE;
MIGLIORARSI;
L’IMPORTANZA DI ESEMPI CONCRETI DA POTER APPLICARE;
CORSO EFFICACE;
SCOSSA EMOTIVA;
RIVALUTAZIONE DELLE PICCOLE AZIONI QUOTIDIANE.

Giorgia Lombardi  – Educatrice 

[hr]

Un “very personal journey” attraverso se stessi alla riscoperta delle proprie emozioni, intelligenze, competenze, debolezze e punti di forza che ci hanno fatto,ci fanno e ci faranno compagnia durante il nostro cammino. Si e’ creato ( tra selezione delle associazioni organizzatrici e casualita’ ) un gran bel gruppo formato da persone vere che “sentono” il mondo e soprattutto hanno qualcosa da dirgli, ognuna ovviamente a modo suo e in base alle proprie esperienze di vita.Un passo in avanti verso la propria formazione con una assoluta maturazione su come concretizzare e trasformare in realtà i propri progetti, grandi o piccoli che siano, e soprattutto una acquisita consapevolezza su quali siano le fasi che rendono possibile tutto cio’.Un ringraziamento particolare alle tre trainers che sono state le prime a mettersi in gioco nonostante il loro livello altissimo di formazione e conoscenza degli argomenti trattati e dei veri valori della vita di tutti i giorni.

Alessandro – Educatore